Abilitata DM 37/08 lettera C
ApQ – Anfus Programma Qualità
Associati ANFUS
Informazione ANFUS

Un pò di Storia

Vista la facilità di lavorazione la pietra ollare è conosciuta dall'uomo fin dai tempi preistorici e usata per la fabbricazione di clave, asce e picconi.

 Con l'introduzione del bronzo (dal 1500 a.C.) la pietra ollare trovò largo utilizzo nella costruzione di stampi per le fusioni.

 In età pre-romana (500 a.C.) venne impiegata in ampia scala nella costruzione di vasi e pentole.

 Con l'avvento dei Vichinghi nelle zone del nord Europa le pentole ed i vasi in pietra ollare estromisero quelli in ceramica.

 Nel Medio Evo arrivò il massiccio uso della pietra ollare in architettura, difatti parecchie chiese nei paesi Scandinavi sono costruite con tale materiale (Cattedrale di Nidaros a Trondheim - Norvegia).

Cattedrale di Nidaros a Trondheim                Particolare facciata Cattedrale

L'uso della pietra ollare nella costruzione di caminetti e stufe risale alla metà del 1500 d. C..

Tipico caminetto norvegese in pietra ollare

Dal 17° secolo nella parte centro-orientale della Norvegia e precisamente la zona di Gudbrandsdalen, dove nella città di Otta tutt'oggi è ubicata la fabbrica di stufe Norsk Kleber 1893, si è sviluppata la lavorazione della pietra ollare per la costruzione di stufe e caminetti.

Localizzazione produzione    Otta

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per nascondere questo messaggio clicca su chiudi.